Marc Augé

Articolo Internazionale

I critici architettonici avevano previsto che la vita moderna avrebbe cambiato la nostra sensazione di spazio. Quasi trent anni fa l antropologo francese Marc Augé ha coniato l espressione ”non luogo” per descrivere una serie di spazi il cui il senso di sè dell individuo viene soppresso, o addirittura svanisce. tra i non luoghi ci sono gli aeroporti, gli alberghi, i centri commerciali, i supermercati e le autostrade. Questi spazi presentano una tristezza intrinseca, perchè diversamente dagli spazi legittimi, gli esseri umani non li occupano in senso compiuto, ma si limitano ad attraversarli diretti verso i ”luoghi antropologici”, come Augé definiva le scuole, le case, i monumenti.